Avviso 2

NEWS: Ammissione al finanziamento percorsi formativi – Accertamento entrate. Impegno di spesa. Rettifica parziale Allegato A Decreto n. n. 3816 del 20.03.2024

SEZIONE FAQ AGGIORNATA

DOMANDA 1: Un Ente ammesso negli elenchi della prima o della seconda finestra può presentare una proposta formativa precedentemente ammessa con l'inserimento delle competenze green o delle competenze digitali?

RISPOSTA 1: L?apertura della terza finestra di candidatura è finalizzata all?aggiornamento periodico del Catalogo GOL per l?ampliamento dell?offerta formativa già esistente. Pertanto, non saranno ritenuti ammissibili proposte formative che risultano già inserite nel Catalogo per il medesimo Ente. Nello specifico non saranno ritenute ammissibili proposte formative riferite a figure professionali del repertorio e della formazione regolamentata e/o altre competenze/tematiche con contenuto formativo e durata identici o similari ai corsi già presenti nel Catalogo. Per proposte formative presentate da Enti già titolari di corsi a Catalogo s'intendono nuove ed ulteriori proposte non già presentate e ritenute ammissibili.

DOMANDA 2: Si chiedono delucidazioni in merito alla presentazione di proposte formative per la tipologia di percorsi Upskilling o Reskilling per l'acquisizione di competenze di base e/o trasversali, formazione di primo livello, percorsi di alfabetizzazione linguistica, corsi sulle competenze digitali.

RISPOSTA 2: Le proposte formative per la tipologia di percorsi Upskilling (formazione breve) o Reskilling (formazione lunga superiore alle 150 ore) per l?acquisizione di competenze di base e/o trasversali, formazione di primo livello, percorsi di alfabetizzazione linguistica, corsi sulle competenze digitali non devono riferirsi a figure professionali afferenti al repertorio regionale o di altre regioni (qualifiche o singole aree di attività ADA), alle qualificazioni professionali della formazione regolamentata ed ai settori economico professionali (SEP), come già indicato nella Comunicazione n. 19 del 14. Marzo 2024 acquisita al prot. N. 193375 pubblicata sul portale regionale dedicato al Programma GOL sezione Avviso 1.
Gli ambiti delle competenze di base e/o traversali sono definiti dalla Raccomandazione del Consiglio dell?Unione Europea del 22 maggio 2018 relativa alle competenze chiave per l?apprendimento permanente (2018/C 189/01), a cui si rimanda:
- A. COMPETENZE ALFABETICO FUNZIONALI
- B. COMPETENZE MATEMATICHE E COMPETENZE IN SCIENZE, TECNOLOGIE E INGEGNERIA
- C. COMPETENZE PERSONALI, SOCIALI E CAPACITÀ DI IMPARARE AD IMPARARE
- D. COMPETENZE IN MATERIA DI CITTADINANZA
- E. COMPETENZE IN MATERIA DI CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALI
- F. COMPETENZE MULTILINGUISTICHE
- G. COMPETENZE DIGITALI
- H. COMPETENZE IMPRENDITORIALI

A titolo esemplificativo ma non esaustivo rientrano negli ambiti di cui al precedente elenco i corsi per l?apprendimento delle lingue straniere e l?alfabetizzazione linguistica per gli stranieri (lingua italiana per stranieri) associati al Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), l?utilizzo delle tecnologie informatiche e/o programmi e strumenti digitali anche in attuazione agli standard individuati dal DigiComp, la comunicazione efficace (esempio Public Speaking), lavorare in gruppo, gestire un team di lavoro.

1.     Come comportarsi in caso di misura A02/A08 avviata? (Es.: GOL - profilazione qualitativa recente, 2023, la quale si leghi al programma “Definizione Patto per il Lavoro” ancora avviato),come per Sfl lasciarlo in avviato oppure riaprire A02 con aggancio protocollo Adi? Ancora, la problematica si pone con speciale riguardo alle posizioni che vedano Patti recanti soggetto attuatore - APL - e Corsi di formazione a tutt’oggi non avviati, bensì in esito “proposto”.

R.1 Ai fini dell'erogazione dell'ADI, Inps verifica in SAP, per i membri del nucleo attivabili al lavoro e soggetti agli obblighi (cat. 1), la presenza di una A02 di presa in carico di tipologia GOL. Pertanto, anche se la A02 referenziata dal qualitativo è di tipo 08 deve essere mantenuta attiva. Tale A02 potrà eventualmente essere chiusa e sostituita da A02 di tipo 05 solamente qualora, in sede di ripetibilità del programma GOL (cfr. Deliberazione Anpal  n°13 del 18/12/2023), si vada ad effettuare un nuovo profiling da associare alla nuova presa in carico.

2)  Come comportarsi in caso di A02/A05 avviata con date “ante anno 2020”? (Es.: A02 – “Patto di attivazione ed eventuale profiling” - antecedente il 2020, la quale si leghi a GOL - profilazione qualitativa, recente, poiché effettuata nel 2023). Anche in questo caso, la problematica si pone con riferimento alle posizioni che vedano Patti recanti soggetto attuatore - APL - e Corsi di formazione a tutt’oggi non avviati, bensì in esito “proposto”, ma legate ad A02 “ante anno 2020”.

R 2) Vale la procedura di bonifica già prevista per analoga casistica SFL:
-  ALLINEAMENTO DATE: Posticipare le date (data stimata, data proposta e data avvio) della vecchia A02 al 01/01/2020, lasciando invece inalterate le attività A07 e A08.
-  NUOVA A02 CONCLUSA A COPERTURA DEL PERIODO «SCOPERTO»: Inserire una A02-05, in esito «Concluso», con le seguenti date:
a) data stimata/proposta/avvio = alla data originaria di avvio della A02 che è stata posticipata;
b) data conclusione = 31/12/2019
Segnaliamo inoltre che, in ambito ADI, il Ministero ha emesso in data 21/05/2024 una "Nota operativa su procedure di servizio per i beneficiari Assegno d’inclusione (AdI) inviati ai Centri per l’impiego", con impatti sulla gestione ADI;

Decreto n. 3816 del 20/03/2024 - Ammissione al finanziamento percorsi formativi - Accertamento entrate e Impegni di spesa

Comunicazione n. 4 - Gestione Aule portale Lavoro per Te Calabria - Aggiornamento esiti partecipanti

Decreto n. 18743 del 12/12/23 - Rettifica decreti n.11419 del 07/08/2023 e n. 14450 dell’ 11/10/2023-riduzione Impegni di spesa

Decreto n. 19414 del 18/12/23 - Ammissione al finanziameto percorsi formativi - Impegno di spesa

Comunicazione n. 3 - Nota. Prot. N. 520990 del 23/11/2023 - Indicazioni operative e procedurali per l'ammissione al finanziamento ed autorizzazione avvio corsi

Approvazione provvisoria secondo elenco di candidature ammesse e non ammesse e proposte formative ammissibili e non ammissibili

AVVISO 2 - Catalogo Offerta formativa

Approvazione format atto di adesione e obbligo,format polizza fidejussoria e modulistica per l’avvio delle attività formative ammesse a catalogo.

STEP 1

STEP 2

STEP 3

STEP 4

STEP 5

Approvazione provvisoria primo elenco di candidature ammesse e non ammessee proposte formative ammissibili e non ammissibili.

Intervento per la costituzione del Catalogo dell’Offerta Formativa Regionale per l’attuazione del Programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori da finanziare nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza(PNRR) Missione 5 “Inclusione e Coesione” – Componente 1 "Politiche per il Lavoro ”Riforma 1.1 “Politiche Attive del Lavoro e Formazione”.

AVVISO 2 - Catalogo Offerta Formativa (seconda finestra);

Avviso Pubblico n. 2 per la presentazione di proposte di Intervento per la Costituzione del Catalogo dell'Offerta Formativa Regionale per l'attuazione del Programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori da finanziare nell'ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) Missione 5 "Inclusione e coesione" Componente 1 "Politiche per il Lavoro" Riforma 1.1 "Politiche Attive del Lavoro e Formazione" . Apertura seconda finestra

FAQ

Domanda1: Un Ente ammesso negli elenchi della prima finestra può partecipare anche alla seconda finestra di candidature in scadenza il 18 aprile 2023? Per il numero di corsi da presentare può fare riferimento di nuovo al totale delle ore accreditate alla formazione superiore, considerato che si tratta di un nuovo anno?

Risposta 1: Un Ente ammesso con Decreto n. 3960 del 20/03/2023 può partecipare alla seconda finestra di candidature trasmettendo una nuova domanda. Secondo l’Avviso Pubblico, il numero massimo delle ore per la formazione superiore, per singola sede formativa, rimane fermo al monte ore fissato come da decreto di accreditamento, così da poter determinare il numero massimo di percorsi inseribili a Catalogo. Inoltre, vi è il vincolo che le ore d'aula delle nuove proposte formative, sommate alle ore d'aula dei percorsi già ammessi (secondo le specifiche di calcolo stabilite), non possono superare complessivamente le ore di accreditamento alla formazione superiore, autorizzate per la sede formativa per la quale si presenta la nuova candidatura. L'ente potrà, quindi, presentare nuovi percorsi formativi nel limite delle ore accreditate alla formazione superiore per la sede formativa non utilizzate per la prima finestra.

Elenco provvisorio candidature ammesse

FAQ AVVISO 2 - Catalogo Offerta formativa
1 Nell’ART 11. MODALITÀ DI VALUTAZIONE E APPROVAZIONE DELLA DOMANDA viene indicato che “Il presente Avviso prevede un procedimento valutativo a sportello che prevede la verifica dell’ammissibilità delle proposte progettuali secondo l’ordine temporale di presentazione della domanda tramite apposita piattaforma e la conseguente iscrizione al Catalogo di tutte le proposte ritenute ammissibili, secondo le modalità e i criteri di cui al precedente art. 7.”. Ciò vuol dire che anche se un Soggetto esecutore ammissibile invia la domanda l’ultimo giorno disponibile, ossia il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione dell’Avviso entro ore 20.00, e la sua domanda è rispondente ai criteri di ammissibilità indicati all’articolo 7 sarà comunque inserita nel catalogo?

R1. Le domande di candidatura devono pervenire dalle ore 08 del giorno successivo alla pubblicazione dell’avviso sul BURC e fino alle ore 20 del ventesimo giorno successivo. Tutte le richieste ritenute ammissibili costituiranno il Catalogo delle offerte formative GOL.
R2. In ragione delle modifiche apportate all'Avviso le domande di partecipazione dovranno pervenire non più su piattaforma ma all'indirizzo PEC [email protected], a far data dalle ore 08.00 del giorno 26/10/2022 e fino alle ore 20.00 del giorno 14/11/2022.

2 Nell’Allegato 2 - Scheda percorso e nello specifico nei DATI PERCORSO FORMATIVO è riportato di fornire una descrizione sintetica in righe (max 20 righe oppure max 15 righe) e non in caratteri. Si porta a conoscenza di una nostra difficoltà nel trasferire il testo sulla piattaforma, poiché le righe su un foglio word, da noi utilizzato per predisporre il testo, potrebbe non corrispondere con il numero di righe sulla piattaforma, considerato che è complicato anche il conteggio di quest’ultime sulla stessa piattaforma.
R. Nell'allegato 2 dell'avviso pubblico sarà riportato di fornire una descrizione sintetica in caratteri e non in righe

3 Nell’art. 5 dell’Avviso è indicato “Ogni Organismo di formazione (Soggetto esecutore) potrà presentare, secondo le modalità stabilite all’art 10 del presente Avviso proposte formative per ciascuna sede operativa accreditata nel rispetto del numero delle ore autorizzate in fase di accreditamento delle diverse sedi formative”.
Tale limitazione non dovrebbe essere inserita in fase di presentazione delle domande candidature ma solo in fase di attivazione ed erogazione dei percorsi formativi in base alle ore di accreditamento, considerando che il Catalogo sarà valido fino al 31/12/2025 ed i corsi possono essere somministrati anche a cavallo di due annualità.
R. Al punto 6.3 dell'avviso è prevista l'integrazione al catalogo con l'apertura di finestre con cadenza massima di sei mesi per l'inserimento dell'offerta formativa di nuovi Enti e/o nuove offerte formative.

4 All’art. 6.3 Ambiti territoriali e di intervento in merito alla progettazione dei percorsi viene riportato che “Sulla base delle risultanze dell’attività di assessment e di orientamento specialistico, nell’ambito dei percorsi di aggiornamento (upskilling) e riqualificazione (reskilling), potranno essere previsti moduli integrativi di potenziamento delle competenze di base che si caratterizzano come moduli formativi di breve durata erogabili in funzione del fabbisogno rilevato, volti in particolare al rafforzamento delle competenze alfabetiche, matematiche e finanziarie e multilinguistiche, progettati in coerenza con gli standard internazionali di riferimento (DigComp2.1, QCER, PIACC...). Tali moduli potranno avere una durata da un minimo di 16 h ad un massimo di 60 h nell’ambito della progettazione complessiva dei percorsi di aggiornamento e riqualificazione”.
I corsi correlati al Repertorio delle qualifiche professionali della Regione Calabria (come anche quelli del Repertorio Nazionale nelle sue articolazioni regionali) e i corsi della formazione “Regolamentata” sono corsi professionalizzanti. Gli obiettivi di apprendimento di ogni attività formativa devono, quindi, coincidere con le competenze tecnico-professionali che caratterizzano la Figura professionale oggetto del percorso, come indicato nell’Allegato 1 al Decreto14526 del 24/11/2016 della Regione Calabria. Le ore dei vari percorsi formativi di Operatore (600), di Tecnico (500) e di Responsabile (400) sono destinate pertanto solo all’acquisizione di competenze tecnico-professionali e non di competenze di base. L’assolvimento delle competenze di base si consegue con il superamento del secondo anno di un’Istituto di Istruzione Superiore oppure del secondo anno dei percorsi triennali di IeFP. Pertanto, si ritiene che le competenze di base dovrebbero essere inserite solo nei percorsi di IeFP e non percorsi di Formazione Superiore relativa ai Percorsi dell’Offerta formativa afferente alle figure professionali presenti nel Repertorio Regionale delle Qualificazioni e Competenze o dell’Offerta formativa “regolamentata”.
In caso contrario, se le competenze di base e trasversali, da un minimo di 16 ore ad un massimo di 60, possono essere inserite anche nei percorsi professionalizzanti dovrebbero essere in aggiunta alle ore totali dei percorsi. Di conseguenza, il limite massimo delle ore dei corsi di reskilling dovrebbe essere aumentato a 660 (ad esempio per il percorso di Operatore di 660 ore, per il percorso di Tecnico di 560 e per il percorso di Responsabile 460).
R. Le ore di competenze di base potranno essere erogate in funzione al fabbisogno rilevato, le stesse sarebbe opportuno inserirle nei percorsi d riqualificazione che necessitano di una robusta formazione per avvicinare le persone in cerca di occupazione ai profili richiesti dal mercato; in questo caso la formazione professionalizzante è caratterizzata da un innalzamento dei livelli di qualificazione rispetto al livello di istruzione per cui possono prevedersi anche interventi finalizzati al rafforzamento delle competenze di base

5) Nell’art. 10 TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA E DOCUMENTAZIONE DA TRASMETTERE non è presente nei documenti da predisporre e presentare l’Allegato 5 Atto di Adesione ed Obbligo, richiamato invece, nell’Allegato 1 - Domanda di Candidatura.
R. L’atto di adesione e obbligo verrà approvato con successivo atto e verrà firmato dopo l’assegnazione e finanziamento del/dei percorso/i. Nell’allegato viene riportato erroneamente.

6) Nell’Allegato 2 - Scheda percorso e nello specifico nei DATI PERCORSO FORMATIVO, oltre a descrivere l’eventuale Stage/tirocinio curriculare, si chiede di indicare in una tabella anche le aziende disponibili ad ospitare gli allievi. Considerando le tempistiche per l’approvazione definitiva del Catalogo e che le aziende a distanza di mesi potrebbero non essere più disponibili ad ospitare gli stagisti si chiede se si può in alternativa nella tabella apporre la dicitura “DA INDIVIDUARE”.
R. Qualora non si fosse nelle condizioni di indicare un’azienda per l’eventuale Stage/tirocinio curriculare, la stessa dovrà essere indicata in fase di progettazione operativa.

7) I corsi presentati nel Catalogo per il Bando Aiuti Salariali rientrano gìà nei percorsi GOL dell' Ente stesso?
R. Per la costituzione del catalogo formativo del progamma GOL è necessario presentare apposite candidature.

8) stiamo predisponendo la domanda di partecipazione avviso 2 catalogo formativo come ente di formazione su Catanzaro e Vibo Valentia. Il progetto riguarda le due sedi per cui ci occorre sapere se la domanda va predisposta singolarmente sulle due sedi o un'unica domanda di progettazione
R. La domanda con la relativa documentazione deve essere riferita ad un' unica sede .

9) In caso di progettazione di percorsi di aggiornamento (Upskilling) va previsto lo stage?
Sulla base dell?allegato al Decreto n. 14526 del 24 novembre 2016 ?Standard formativi sperimentali per la progettazione e l?erogazione dei percorsi formativi? in riferimento al punto 2.1.2 Percorsi formativi finalizzati al rilascio di certificazione relative a competenze correlate a singole Aree di Attività viene indicato: ?I percorsi formativi finalizzati al rilascio di certificazione devono prevedere attività di stage nella misura minima del 25% e massima del 40% del monte ore complessivo del percorso?. Pertanto, si presuppone che anche i percorsi di Upskilling dovranno prevedere attività di stage
R. Considerato che il decreto n. 14526 del 24 novembre 2016 è nella normativa regionale dell'avviso pubblico ai sensi dello stesso si possono prevedere ore di stage anche all'interno dei percorsi Upskilling. .

10) Avendo previsto un corso senza rilascio di certificazione, non previsto nel repertorio regionale delle qualificazioni e neanche regolamentato possiamo o no prevederlo?
R. Il percorso deve fare, necessariamente, riferimento o al Repertorio della regione o a quello nazionale ( di tutte le regioni) o a quelli regolamentati .