Difesa del Suolo

 

Dissesto idrogeologico

 

Erosione costiera

ReNDiS

Indirizzi Operativi ReNDiS

Indirizzi operativi ReNDiS per la trasmissione delle richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico da inserire nella piattaforma ai sensi del DPCM 27.09.2021 “Aggiornamento dei criteri, delle modalità e dell’entità delle risorse destinate al finanziamento degli interventi in materia di mitigazione del rischio idrogeologico”.
L’obiettivo degli Indirizzi Operativi è quello di supportare i soggetti richiedenti nella corretta formulazione delle proposte di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico da trasmettere alla Regione – Settore Interventi a Difesa del Suolo (Dipartimento Infrastrutture e Lavori Pubblici) all’indirizzo pec: [email protected] ai fini dell’inserimento nel sistema ReNDiS-web.

Normativa di riferimento

 

Giornata di approfondimento e divulgazione - Le modifiche alla piattaforma ReNDiS

Le modifiche alla piattaforma ReNDiS ai sensi del DPCM 27.09.2021
Presentazione dell’applicativo RaStEM quale strumento di supporto nella definizione degli interventi di difesa del suolo

Catanzaro, Cittadella Regionale - 15 maggio 2023

 

Interventi

On. Vannia Gava

Viceministro Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica

Saluti istituzionali

Dott. geol. Giuseppe Travia

Dirigente della Divisione II “Valutazione, prevenzione, mitigazione e monitoraggio integrato del rischio idrogeologico” Direzione Generale USSRI, MASE

La programmazione degli interventi di difesa del suolo

Dott.ssa Geol. Giovanna Chiodo

Dipartimento Territorio e Tutela dell’Ambiente

La programmazione degli interventi di Difesa del Suolo

Ing. Pierluigi Mancuso

Dipartimento Infrastrutture e Lavori Pubblici Settore Interventi a Difesa del Suolo

Contenuti del DPCM 27 09 2021 criteri, metodologie, attribuzione punteggi

Ing. Stefania Romanò

Dipartimento Infrastrutture e Lavori Pubblici Settore Interventi a Difesa del Suolo

Contenuti del DPCM 27 09 2021 criteri, metodologie, attribuzione punteggi

Dott. geol. Gennaro Capasso, ing. Raffaele Velardo, dott.ssa geol. Annamaria Pellegrino, dott. geol. Stefano Pagano

Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale

Le valutazioni di competenza dell’Autorità ai sensi del DPCM 27.09.2021

Dott.ssa geol. Irene Rischia

ISPRA Dipartimento per il Servizio Geologico d’Italia

RaStEM: rappresentazione standardizzata degli interventi di difesa del suolo e dei loro effetti Criteri metodologici

Ing. Domenico Condelli

Consigliere del CNI e della Fondazione Delegato alla Difesa del Suolo – Dissesto Idrogeologico

Mitigazione del rischio e nuovo Codice degli Appalti

Ing. Pasquale Celebre

Dirigente Dipartimento Territorio e Tutela dell’Ambiente

La sorveglianza idraulica per la tutela del territorio

Piattaforma ReNDiS

La programmazione nazionale e regionale in materia di Difesa del Suolo viene alimentata, fin dal 2014, dai progetti inseriti nella piattaforma informatica denominata ReNDiS (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo). Il Repertorio consiste in un “sistema informativo”, gestito da ISPRA, integrato da un’interfaccia web sviluppata per condividere in internet, tra gli enti preposti alla programmazione, i dati acquisiti.

Le richieste di inserimento dei progetti finalizzati esclusivamente alla prevenzione e mitigazione del dissesto idrogeologico per un eventuale finanziamento, nel territorio della Regione Calabria devono essere inviate tramite pec all’indirizzo [email protected]

Per l’inserimento nella piattaforma ReNDiS deve essere inoltre fornita la seguente documentazione:

  • lettera ufficiale di richiesta di inserimento in ReNDiS e trasmissione progetto;
  • delibera di approvazione del progetto;
  • scheda istruttoria del progetto conforme alle direttive ReNDiS compilata e sottoscritta;
  • file pdf del progetto;
  • autorizzazioni e pareri, laddove acquisiti;
  • altri atti ritenuti utili alla valutazione del progetto.

I progetti privi di tale documentazione non saranno istruiti per essere validati nella piattaforma ReNDIS.

Successivamente all’inserimento della proposta di intervento, viene automaticamente generato un codice univoco dell'intervento che rimane invariato anche dopo l' inserimento dei dati o l'eventuale aggiornamento, in seguito alla validazione regionale che avviene dopo accurata preistruttoria, viene automaticamente attribuito un punteggio in base alla parametrizzazione dei criteri stabiliti dal DPCM 28/5/2015. Il passo successivo sarà la validazione tecnica dell’Autorità di Distretto e quella amministrativa dell’ISPRA.

Le stesse istanze, vengono successivamente riesaminate dall’ISPRA e dal Ministero dell’Ambiente per la formazione delle priorità di finanziamento degli interventi con i fondi che si renderanno via via disponibili.

Le priorità valutate per i finanziamenti scaturiscono dalla combinazione dei seguenti parametri:

  • priorità regionale;
  • livello della progettazione approvata;
  • completamento;
  • persone a rischio diretto;
  • beni a rischio grave;
  • frequenza dell’evento,
  • quantificazione del danno economico atteso;
  • riduzione del numero di persone a rischio diretto.

Stato di Programmazione

A partire dal 2015, le principali programmazioni relative a dissesto idrogeologico scaturite dalle priorità elaborate dal Rendis sono le seguenti:

  • PIANO OPERATIVO “AMBIENTE” FSC 2014-2020 "INTERVENTI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO E DA EROSIONE COSTIERA” (DELIBERA CIPE 55/2016) approvato il 12/12/2016, definito il 13/12/2017 1° ATTO INTEGRATIVO ALL’ACCORDO DI PROGRAMMA 25/11/2010 PUBBLICATO 9/01/2018. 25 interventi (INTERVENTI RISCHIO IDRAULICO € 19.569.934 RISCHIO EROSIONE COSTIERA € 6.360.614). Totale € 25.9 milioni.
  • POR CALABRIA 2014-2020 ASSE PRIORITARIO 5 - PREVENZIONE RISCHI - AZIONE 5.1.1 PROGRAMMAZIONE DELIBERA GIUNTA REGIONALE 355 /2017 - 6 interventi RISCHIO IDRAULICO. Totale € 10,6 milioni.
  • DELIBERA CIPE 26/2016 PATTO PER LA CALABRIA DGR 160/2016 PROGRAMMAZIONE DELIBERA GIUNTA REGIONALE 355 /2017- (INTERVENTI RISCHIO IDRAULICO € 128.422.565, RISCHIO DA FRANA € 105.317.934) 140 interventi Totale € 233.7 milioni.
  • PIANO NAZIONALE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, IL RIPRISTINO E LA TUTELA DELLA RISORSA AMBIENTALE DI CUI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 FEBBRAIO 2019. APPROVAZIONE DEL PIANO STRALCIO RELATIVO AGLI INTERVENTI IMMEDIATAMENTE CANTIERABILI INDIVIDUATI DAL MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE. (DELIBERA N. 35/2019 PIANO STRALCIO 12-8-2019. 6 interventi Totale € 12 milioni.

 

Sono inoltre finanziate tre tranche per il fondo progettazione:

  • Fondo progettazione – Calabria I Stralcio – DD n. 265 del 28/06/2019 - 18 progetti - Totale € 2.445.181,02;
  • Fondo progettazione Calabria II Stralcio – DD n. 346 del 11/09/2019 - 17 progetti Totale € 2.692.321,03;
  • Fondo progettazione Calabria III Stralcio – DD n. 28458 del 23/04/2020 - 24 progetti Totale € 4066239,30.

Sino ad oggi sono stati raccolti inseriti e validati circa n. 1000 interventi, di cui n. 179 finanziati, 59 in fase di progettazione ed il resto in aggiornamento (il cui elenco è pubblicato nella presente pagina).

 

CONTATTI

Settore Interventi a Difesa del Suolo

Referenti RENDIS

Ing. Pierluigi Mancuso
tel. 0961 857439

Sig.ra Emanuela Democrito
tel. 0961 853848

DOCUMENTAZIONE E SITI DI RIFERIMENTO

ISPRA Ambiente – www.rendis.isprambiente.it/rendisweb