Regione calabria - Portale- Piani Locali per il Lavoro

Calabria - La Regione per Te

Vai al contenuto

Sei in: Home > Organizzazione > Dipartimento n. 7 > Aree > Piani Locali Lavoro

Piani Locali per il Lavoro

Il Settore Piani Lavoro e Sviluppo, Politiche Territoriali, Emersione del  Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche Sociali - in attuazione della  strategia di sviluppo INTEGRAZIONE OCCUPAZIONE/SVILUPPO definita dalla Regione Calabria, ha messo a punto il modello operativo dei Piani Locali per il Lavoro e l’Occupazione (PLL)  al fine  di rafforzare le potenzialità dei sistemi produttivi locali e di integrare le politiche del lavoro con quelle dello sviluppo. I PLL Piani Locali per il Lavoro sono strumenti di attuazione delle politiche attive del lavoro atti a favorire adeguati interventi in materia di occupazione e in grado di intercettare le reali potenzialità di miglioramento del territorio oltre che di generare efficienza, competitività, buona occupazione e potenziamento dei sistemi produttivi.

L’attuazione dei PLL ha previsto 2 fasi di attuazione:

Fase 1 (2013-2016):
Ha visto il coinvolgimento degli stakeholders a livello locale, enti comunali, reti associative, reti imprenditoriali e agenzie di sviluppo, che hanno assunto la responsabilità di definire le strategie territoriali. Si sono pertanto auto-costituiti 14 gruppi territoriali di concertazione e progettazione partecipata, ognuno dei quali ha prodotto il proprio PLL attraverso il contributo e la condivisione dei soggetti del partenariato. La Fase 1 si è conclusa nel 2014 con l’approvazione dei 14 PLL proposti da altrettanti partenariati locali, riassunti nella tabella e nella mappa che seguono:

Nel 2016 è stato infine approvato dalla Regione Calabria il documento di attuazione della Fase 2 dei PLL, che prevede l’attuazione delle strategie mediante le seguenti azioni:

-      Azione 1: dote occupazionale per i giovani;
-      Azione 2: incentivi ai datori di lavoro per l’inserimento di nuove unità lavorative;
-      Azione 3: contributi alle aziende per la formazione degli apprendisti;
-      Azione 4: promozione dell’auto lavoro o microimpresa;
-      Azione 5: voucher per la buona occupabilità.

Fase 2 (2017-in corso):
Nel 2017 la Regione Calabria ha approvato un “Avviso Pubblico per l’avvio di Piani Individuali di Avviamento al Lavoro (PIAL) - Percorsi Integrati di Orientamento, Formazione e Lavoro nell’ambito dei Piani Locali per il Lavoro”, che ha permesso di selezionare circa 130 beneficiari - giovani laureati disoccupati - sull’Azione 5  (voucher per la buona occupabilità), considerata azione prioritaria. I voucher (che comprendono un mix tra tirocini, animazione territoriale e corsi di formazione) sono stati concessi, seguendo una graduatoria di merito, sulla base della corrispondenza dei singoli PIAL con la strategia di sviluppo/filiera produttiva del PLL di riferimento. A conclusione del percorso di sviluppo delle competenze di 9 mesi, entro il 2018 i beneficiari avranno quindi accesso diretto all’Azione 1 (Dote occupazionale a favore di aziende/reti interessate all’assunzione, per circa 50 beneficiari), o all’Azione 4 (Auto impiego, anche in forma aggregata, sulla base della proposta elaborata dai beneficiari e validata dalla Regione Calabria, per circa 80 beneficiari).

 
Un modello innovativo e competitivo, quello dei Piani Locali per il Lavoro, che è stato scelto dal Ministero dello Sviluppo Economico per rappresentare l’Italia al Premio European  Enterprise Promotion Award 2018 nell’ambito della categoria “Sviluppo dell’Ambiente imprenditoriale”. Un premio europeo per la promozione d’impresa che identifica e riconosce nell’intervento proposto dalla Regione Calabria la competitività e l’efficacia dell’azione amministrativa regionale sul tema dell’imprenditorialità in Europa e ne evidenzia le migliori politiche e pratiche d’impresa pubblica e locale.