Benvenuti nel sito della Regione Calabria

Salta la navigazione principale.

[Testata Portale Regione Calabria in Flash]
Sei in: Home Calabria Notizie Comunicati Stampa Predisposto il progetto “Alternanza scuola lavoro”
 
 

Predisposto il progetto “Alternanza scuola lavoro”

Area d'interesse: Cultura e Istruzione

Data pubblicazione: 08-10-2010

La Regione Calabria predispone il progetto “Alternanza scuola lavoro”. Il programma, promosso dall’assessorato regionale alla Cultura in sinergia con l’Ufficio scolastico regionale, l’Unioncamere Calabria e Confindustria Calabria, e fortemente voluto dal Presidente Giuseppe Scopelliti come strumento strategico per lo sviluppo economico e produttivo della regione, prevede esperienze di lavoro presso imprese, enti pubblici e privati e associazioni.
“Per la prima volta – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Mario Caligiuri - la Regione Calabria organizza l’Alternanza scuola e lavoro che comprende l’intero anno scolastico, diventando parte integrante dell’offerta formativa. È, infatti, nostra intenzione arricchire le conoscenze degli studenti calabresi per fornire ai ragazzi competenze utilizzabili nel mondo del lavoro”.
Sui siti di Regione Calabria (www.regione.calabria.it) e di Unioncamere Calabria (www.unioncamere-calabria.it) sono state pubblicate tutte le informazioni e la scheda per partecipare al progetto. Gli istituti potranno coinvolgere gli studenti che frequentano gli ultimi tre anni delle scuole superiori. Le attività devono prevedere almeno cento ore di stages in azienda e trentadue ore di lezioni teoriche. Le scuole potranno presentare la loro domanda di partecipazione entro il 27 ottobre prossimo. Un Tavolo tecnico valuterà le proposte inviate e stilerà una graduatoria entro l’8 novembre 2010.
Alle fasi preliminari del programma hanno aderito oltre il 50% degli istituti superiori della Regione. Per l’assessore Caligiuri, però, “l’obbiettivo è di raggiungere una percentuale vicina al 100%, nella convinzione – ha detto - che questo progetto formativo produrrà effetti positivi non solo sui singoli studenti, ma per tutta la comunità calabrese”. p.g.