Benvenuti nel sito della Regione Calabria

Salta la navigazione principale.

[Testata Portale Regione Calabria in Flash]
Sei in: Home Calabria Notizie Comunicati Stampa Turismo, in arrivo nuovi finanziamenti per le imprese del settore. Revocati bandi con anomalie
 
 

Turismo, in arrivo nuovi finanziamenti per le imprese del settore. Revocati bandi con anomalie

Area d'interesse: Presidenza

Data pubblicazione: 16-10-2012

Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Palazzo Alemanni, alla presenza del dirigente generale del Dipartimento turismo Raffaele Rio e delle dirigente Maria Gabriella Rizzo, ha annunciato una serie di interventi per potenziare e riqualificare in termini di ricettività il comparto, tra cui un bando di prossima pubblicazione di circa ventuno milioni di euro, e la revoca dei finanziamenti erogati con il Por Calabria 2000-2006 in capo ai quali sono state riscontrate anomalie e incongruenze.
“Presentiamo l’accordo che abbiamo sottoscritto – ha dichiarato Scopelliti -condividendo un percorso con il mondo imprenditoriale e le associazioni di categoria per arrivare alla pubblicazione di un bando da 21 milioni di euro, attualmente sottoposto al vaglio del nucleo di valutazione, che rappresenta uno strumento per proiettarci in una nuova stagione per il turismo in Calabria in cui poter mettere in campo rinnovate strategie. Si tratta di una risposta significativa che riusciamo a dare al settore mentre ci stiamo adoperando per individuare altri mercati con interessanti prospettive come quello israeliano, russo e polacco”.
“Quanto ai finanziamenti dei fondi Por 2000-2006 abbiamo proceduto alle revoca di 46 milioni su 156 milioni stanziati, con un incidenza del 30,1 % sul totale impegnato, perché abbiamo rilevato incongruenze ed anomalie connesse a documentazione irregolare, mancata realizzazione dell’opera, rinuncia al contributo o per procedimento penale. La revoca ha riguardato in modo particolare la provincia di Cosenza con il 50,1% dei fondi assegnati, a seguire le province di Catanzaro e Vibo Valentia con il 19,2% ed infine quella di Reggio Calabria con l'11,5%. Abbiamo riscontrato errori - conclude Scopelliti - su cui è necessario fare chiarezza ed in merito ai quali ci sono indagini in corso. Vogliamo dare avvio alla stagione della trasparenza e rompere con il passato".